Pensieri e Riflessioni su "Regole d'amore per amici confusi" di Ellie Cahill

REGOLE D’AMORE PER AMICI CONFUSI
Ellie Cahill

376 pagine
Editore: De Agostini
ISBN-10: 8851132070
ISBN-13: 978-8851132071

Trama:
Il primo anno di università può essere complicato, si sa. Soprattutto quando il tuo fidanzato storico ti molla senza troppi giri di parole. È quello che succede a Joss, e la delusione le lascia davvero l'amaro in bocca. Un sapore da cui fatica a liberarsi, nonostante i corteggiatori non le manchino. Ma tutto cambia quando Joss incontra Matt: lui è bello e gentile, forse non proprio il suo tipo ideale. Eppure tra i due la complicità è immediata. Così, tra una confidenza e un bicchiere di vino, accade che Matt e Joss si ritrovino a elaborare e a verificare una teoria: per far svanire l'amaro in bocca di una delusione amorosa è necessario passare la notte in compagnia di un buon amico. Uno che non chieda niente al risveglio, uno che sia disposto a essere semplicemente un sorbetto per rinfrescare il palato tra una relazione e un'altra. Ed è così che Matt e Joss decidono di diventare amanti di notte e amici di giorno. Tutte le volte che vogliono, tutte le volte che ne hanno bisogno. Stringono addirittura un patto, un vero e proprio contratto a cui attenersi scrupolosamente per gestire il proprio rapporto. La teoria del sorbetto sembra funzionare alla perfezione per molto tempo. Fino a quando uno dei due non infrange la regola più importante di tutte: Non innamorarsi.

Il mio pensiero:
Non so voi, ma io sono stata attratta fin da subito da questo romanzo grazie alla deliziosa cover ed al titolo accattivante, che è poi quello che salta maggiormente all’occhio quando si scorrono velocemente le nuove uscite.
Che idea vi siete fatti voi, basandovi solo su questi due dati? Io spesso mi faccio guidare dall’istinto prima di intraprendere la lettura di un romanzo – sempre che in precedenza non sia stata condizionata da altri commenti dei lettori o abbia fantasticato a lungo sulla sinossi – e anche questa volta, sebbene in principio mi sia basata solo su titolo e cover, ci ho preso.
Per le romantiche come me, questo libro deve essere messo subito in wishlist.

Il romanzo è scritto alternando presente e passato. Un passato che ha inizio sette anni prima, durante il primo semestre del primo anno di College di Matt e Jess.
Come accade nelle migliori storie d’amore i due protagonisti del romanzo si incontrano per caso. La coincidenza vuole che la camera del dormitorio di Jocelyn si trovi proprio sopra la camera di Matt. Una delle classiche feste organizzate nelle camere studentesche, una birra e un succo e qualche scambio di battute e le presentazioni sono fatte… e Cupido ha già svolto alla perfezione il suo lavoro. Solo che i nostri due protagonisti ci metteranno ben sette anni prima di rendersene conto. 
E sapete dietro quale scusa si nascondono per non ammettere di essere innamorati l’uno dell’altra? La scusa del “Sesso Sorbetto”. Matt e Joss infatti stipulano una sorta di patto secondo cui, a seguito di storie finite male o appuntamenti spiacevoli, entrambi saranno sempre disponibili e pronti per consolarsi a vicenda facendo ricorso al “Sesso Sorbetto”: proprio come il sorbetto al limone serve per “pulire” e togliere i sapori di ciò che si è mangiato prima, così il sesso tra loro servirà, dopo una storia finita, per cancellare quello che c’è stato prima con il ragazzo o la ragazza che si vuole dimenticare.
E pensate che i protagonisti si impegnano anche a stilare delle regole!
Questo patto, nato quasi per scherzo sotto i fumi dell’alcol, verrà usato più e più volte come giustificazione per stare insieme… finché qualcosa non cambia…

Lui rise.
«Ho bisogno di “pulire il palato”.» Feci le virgolette con le dita. «Sesso Sorbetto.»
«Però c’è un problema» disse Matt.
«Quale?»
«Se fai del Sesso Sorbetto con la persona sbagliata, poi devi trovare qualcun altro con cui andare a letto dopo di lui. Potrebbe andare avanti… per anni.»
Ci riflettei su. «Jeff era decisamente la persona sbagliata.»
«Per fortuna è svenuto.»
Sorrisi. «Dio benedica le sbronze.»

Una bella storia romantica a lieto fine che diverte e rallegra.

Posso classificare questo romanzo come lettura da relax estiva. Assolutamente non impegnativa, forse anche un po’ scontata, ma adatta ad occupare il tempo da trascorrere sotto l’ombrellone tra un bagno e l’altro o in riva ad un fiume sotto il fresco offerto dalle fronde degli alberi, senza togliere tempo a noi. Anche se non è appunto uno di quei romanzi da leggere tutto d’un fiato perché tiene sulle spine regala davvero tante belle emozioni e lascia con una piacevole sensazione di appagamento sul finale.
Stefania

2 commenti:

Powered by Blogger.