Review Party per "COME UCCIDONO LE BRAVE RAGAZZE" di Holly Jackson


Little Kilton, aprile 2012: Andie Bell, una delle ragazze più popolari della scuola, viene uccisa. O meglio, scompare, e il suo corpo non verrà mai ritrovato. L'assassino è Sal Singh, compagno di scuola e amico della vittima: la polizia e tutti in città ne sono convinti. Il suo suicidio a qualche giorno di distanza ha cancellato tutti i dubbi. 

Ma Pippa Fitz-Amobi, che al tempo dei fatti aveva dodici anni e che ora si prepara a fare domanda per il college, non ne è per niente sicura. Quando sceglie di studiare il caso come tesina di fine anno, comincia a scoprire segreti che qualcuno in città vuole disperatamente che rimangano tali. E se l'assassino fosse davvero ancora là fuori?


Titolo: Come uccidono le brave ragazze
Autrice: Holly Jackson
Editore: Rizzoli *
 * grazie alla CE per la copia digitale
Pagine: 446
Genere: thriller, YA
Uscita: 26 Gennaio 2021



E benché questa storia abbia parecchi mostri, 
ho scoperto che non vi si può molto facilmente separare il bene dal male. 
Alla fine, è una storia di persone, e delle loro differenti sfumature di disperazione, 
che si scontrarono le une contro le altre. 


Un paese nella provincia inglese, una ragazza bella e popolare che scompare, un bravo ragazzo ma di origini indiane che era il suo fidanzato e diviene in automatico il sospettato numero uno. Soltanto che, prima ancora di essere dichiarato assassino, Sal si affretta a lavare via la macchia formatasi su se stesso e sulla sua famiglia suicidandosi.
Vittima, colpevole punito, il dolore che sbiadisce con il tempo. 
Tutto sembra andare a posto e sistemarsi.

Soltanto che dopo cinque anni Pippa, una studentessa ambiziosa all'ultimo anno, decide di farne l'argomento del proprio lavoro finale, una sorta di trampolino di lancio per il suo futuro come giornalista investigativa, partendo dall'ammissione a Cambridge.

E Pippa investiga davvero, partendo dai pochi strumenti a disposizione: interviste a chi c'era, post pubblicati sui social, dicerie e sentito dire, mere presunzioni o ragionamenti lucidi che saltano l'ovvio e si muovono dove la polizia non era ancora arrivata.
E se Andie non fosse stata la ragazza perfetta?
E se Sal non fosse stato il colpevole perfetto?
E se le vittime fossero state di più e in parecchi si fossero macchiati di colpe non dette?
Vecchie ferite si riaprono, il sollievo ritorna a farsi fragile per tanti dei protagonisti che credevano di essere scivolati nell'oblio.

Questo è un thriller #ya che non sguazza nel sangue, ma che si diverte comunque a penetrare la rete di segreti, ripicche e omertà che finisce per tenere avvinte le persone, quando troppe cose sono rimaste fuori posto. 
Mi è piaciuto il piglio con cui Pippa, nonostante l'età, nonostante l'inesperienza, riesce ad arrivare fino in fondo. 
La Jackson ci accompagna insieme a lei, condivide i suoi appunti, gli schemi, i dubbi, le pagine dei diari dei ragazzi, in un lavoro di taglia e cuci molto coinvolgente, con tanti colpi di scena e un'indagine mai scontata.
Se la soluzione del caso, al termine, ti sorprende, vuol dire che il libro è davvero riuscito.

Amarilli





2 commenti:

Powered by Blogger.