Review Tour per "POSSESSION - REDENZIONE" (#3) di Valentina C. Brin - ESCE OGGI!!!!



Southampton, 1716. Sono trascorsi ventisette anni da quando Charles Rochester, duca di Norfolk, ha detto addio a Dorian per riportare la famiglia Stuart sul trono. La congiura gli è costata l’anima, oltre che la libertà, e adesso è ricercato per alto tradimento. 

Tuttavia il suo destino è già segnato da tempo: Charles è malato di sifilide. Sa che gli restano pochi mesi di vita e non desidera altro che trascorrerli tra le braccia di Dorian e provare per l’ultima volta la dolcezza del suo amore. Ma quando i due si ritrovano a Southampton, Charles inizia a temere di non avere possibilità.

Dorian Pratt, infatti, non è più l’uomo innamorato che ha lasciato a Marsiglia: l’abbandono subito l’ha segnato nel profondo. È diventato freddo, scostante e, ancora peggio, ha donato il proprio cuore al suo migliore amico. Eppure Charles non è pronto a rinunciare a lui. Non più. Non ora che ha capito cosa vuole davvero.

Il tempo stringe, la morte non aspetta. 
Ma nelle mani giuste, il vero amore può essere più forte di entrambi. 




Titolo: Possession – Redenzione
Autore: Valentina C. Brin
Serie: Obsession saga#2.4
Editore: self publishing
Genere: MM historical dark
Prezzo: 2.99 ebook – 13 euro cartaceo
Data di uscita: 21 settembre 2018


BIOGRAFIA:
Valentina C. Brin è nata nel 1985 a Padova, dove vive tuttora. Ha una laurea in Psicologia, tre gatti e una passione per la danza e il disegno. Ha scoperto l'amore per la scrittura nel 2003, quando ha iniziato a proporre ai lettori le sue prime storie originali sul sito di fanfiction EFP. 
Nel 2013 ha esordito come autrice self con la Obsession saga (Obsession, Il prezzo della passione, L'uomo di fede, Possession-Ascesa, Possession – Rovina, Possession – Destino, Possession – Redenzione), a cui è seguito il racconto paranormal romance Dillo alla neve.

OBSESSION SAGA:
Obsession (Obsession saga#1) 
Il prezzo della passione (Obsession saga#1.1) 
L’uomo di fede (Obsession saga#1.2)

La mini-serie POSSESSION 
ASCESA http://www.sognipensieriparole.com/2016/06/pensieri-e-riflessioni-su-possession.html
ROVINA http://www.sognipensieriparole.com/2017/10/review-tour-per-possession-rovina-di.html
DESTINO
REDENZIONE

LA MIA RECENSIONE


«Dorian.»

Pronunciò quella parola contro la coperta, gli occhi chiusi e la paura che gli spaccava il cuore. Aveva allontanato quel ricordo per anni seppellendolo sotto il rancore, eppure adesso che stava per diventare polvere lo sentiva più forte che mai.
Non l’avrebbe più rivisto.
Gli restavano solo i ricordi e i rimpianti.


Dare un giudizio su una saga tanto lunga (e intensa) non è facile.
In primo luogo devo ringraziare Valentina per aver concesso a noi Dorian/Charles-addicted un degno finale per questa coppia pazzesca che ci aveva già aggrovigliato le viscere almeno in tre occasioni (non che stavolta sia meglio, anzi...).

In realtà la Brin ha scelto la strada più impervia e coraggiosa cimentandosi con questa trama, ponendo al centro protagonisti ormai stanchi e provati dagli eventi, ancora infarciti d'ombre (tanto è vero che persino la "redenzione" del titolo appare un po' ambigua, visto che alla fine la condanna - almeno terrena - sembra latitare...) e, soprattutto, venendo a guastare la pace di una coppia che comunque si era ricostruita la propria vita.
Insomma, diciamolo, dal punto di vista morale non è il massimo (per quanto spesso accada proprio così nella realtà): nell'universo qui rappresentato i buoni si beccano una svalangata di sofferenza e rischiano di non essere neppure i vincitori (Tristan resta per me il vero eroe generoso di questa tragedia), i malvagi incassano comunque dal destino e giusto al fotofinish.

Però - questa è la cosa sorprendente - noi lettori amiamo comunque questi uomini imperfetti e ne seguiamo le vicende, tra alti e bassi, con il cuore stritolato.
Io, ad esempio, ho continuato a ripetere mentalmente "ma quanto sei idiota" ora a Dorian ora a Charles, per pagine e pagine, ma non riuscivo a scollarmi e mi sono ritrovata in fondo.
Presa e prostrata. 
Lo stile è comunque quello a cui siamo abituati: tutto cuore e tutta emozione, avvolgente e commovente.
Per cui ancora grazie (anche se ho un po' porcheggiato, appunto).

Dopo tutti quegli anni trascorsi ad aspettarlo, aveva smesso di credere che sarebbe tornato per stare con lui. Aveva pianto la sua assenza come si piange un lutto. 
L’aveva maledetto così tante volte da essersi consumato la lingua e alla fine era andato avanti perché non c’era altro che potesse fare – perché non si poteva aspettare uno spettro per l’eternità. 
E invece alla fine era tornato.
Era tornato da lui per morire.

Aggiungo solo un mio appunto (ma è il classico pelo nell'uovo) sulla credibilità fisica dei quarantenni/cinquantenni.
Dunque: sono trascorsi "ventisette anni" e siamo agli inizi del 1700, epoca dove a quell'età mostravi i segni del tempo, di certo più che oggi. Ebbene i nostri sono ingrigiti, hanno giusto qualche ruga (ma sempre sexy), Dorian disegna e "talvolta" necessita degli occhiali.
Eh? Possibile che nessuno dei quattro sia nel frattempo appesantito, abbia perso i capelli, per non parlare dei denti? Tutti e quattro (Charles, Dorian, Trista e pure ) sono invece rimasti sostanzialmente degli adoni appena un po' sgualciti, che oltretutto hanno resistenza da stalloni ventenni nelle scene erotiche.
Insomma, a parte questa incongruenza, il libro mi è piaciuto MOLTISSIMO.

“Una carezza soltanto, non lo saprà nessuno”.
Dorian prese un respiro profondo. Era sbagliato. Era maledettamente sbagliato, la testa lo sapeva ma il suo corpo lo tradì: gli passò la pezza sul mento e il pollice si allungò, fino a sfiorare il labbro inferiore di Charles con il polpastrello.
Fu come rubare.
Chiuse gli occhi, divorato dalla tentazione di osare di più.


Amarilli










2 commenti:

  1. Ma grazie di cuore, Amarilli, non hai idea di quanto io stia gongolando in questo momento! Sono così onorata di sapere che anche Redenzione ti sia piaciuto! *___* Grazie, grazie, GRAZIE a te per avermi dedicato ancora una volta il tuo tempo, significa davvero tantissimo per me. E naturalmente, prendo il tuo appunto e ne faccio tesoro per i prossimi romanzi. Grazie ancora per le meravigliose parole, mi riempiono il cuore :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma di nulla :) è stato proprio un piacere!

      Elimina

Powered by Blogger.