Pensieri e riflessioni su "Minorca mi amor" di Nora Noir

Nora Noir
Minorca mi amor
Editore: Delos Digital (18 novembre 2014)
ebook
ASIN: B00PMOO866

RACCONTO LUNGO (42 pagine) - ROMANCE - La crisi del settimo anno non è una leggenda e per riprendersi da una brutta separazione non c'è niente di meglio di una vacanza tra sole, mare e uomini calienti. Ma forse per ritrovare l'amore non c'è bisogno di andare così lontano...
Al famigerato settimo anno la maggior parte delle coppie arriva a un bivio: per sempre o mai più. Laura credeva fosse solo una diceria popolare fino a quando la sua storia con Luca arriva effettivamente al termine. La ragazza rimane come sospesa in un limbo nel difficile percorso del "dopo" caratterizzato dagli scatoloni ripieni del loro amore passato e dai ricordi che arrivano inaspettati e dolorosi come frecce nella schiena. Fino a quando, per una serie di eventi casuali, decide di trascorrere le vacanze a Minorca, nelle Baleari. Sull'isola la sua vita riprende all'improvviso velocità: conosce in una spiaggia di nudisti Carlo, un italiano naturalista e pronto ad ascoltarla e poi, in una caletta nascosta Pablo, uno spagnolo che sembra incarnare i suoi sogni proibiti di adolescente. Sulle sponde di un mare limpido e cristallino, Laura si troverà a conoscere pulsioni inaspettate ma anche a fare i conti con la sua indole timida e razionale e soprattutto col fantasma di Luca, che sembra non averle ancora abbandonato il cuore. 

Il mio pensiero:
Visto le ultime due recenti esperienze più che positive con gli scritti di questa autrice non ho potuto fare a meno di acquistare ancora un suo ebook: Minorca mi amor. E non mi fermerò qui... perché in rete ho scoperto altri due suoi lavori.

Per adesso parliamo di questo. 
L'autrice con questo racconto breve da ancora una volta prova della sua capacità di distribuire in maniera esemplare una trama accattivante in grado di catturare fin da subito l'attenzione del lettore creando situazioni realistiche, a volte anche ironiche, senza mai rendere la narrazione forzata.

Ci si appassiona alla vicenda e si prova fin da subito simpatia per Laura che, ormai ho capito essere tratto distintivo della nostra autrice, è una ragazza reale, molto più simile a noi lettrici di molti altri personaggi nati dalla penna di altre scrittrici di romance.
Bella in modo non appariscente, dopo sette anni decide di separarsi dal suo compagno: siamo di fronte a quella che tutti erroneamente attribuiscono alla crisi del settimo anno.
Per Laura è la prima vacanza senza Luca e si sente sopraffatta contemporaneamente da ansia e apatia di fronte alla paura di affrontare questa nuova esperienza da sola: tre settimane a Minorca.
Una volta giunta sul luogo di destinazione delle sue vacanze, con un pizzico di ironia e una manciata di fraintendimenti in cui solo le ragazze genuine come lei possono incappare, avrà modo di chiarirsi le idee ed ascoltare veramente il suo cuore.

È indubbio che ormai la penna di questa autrice sia tra le mie preferite ed è più che certo che son pronta a consigliare ad ogni lettrice che ama le storie romantiche anche questo bellissimo racconto.
E non mi fermo qui: tornerò presto a parlarvi di Nora!
Stefania

2 commenti:

  1. anche a me è piaciuto il suo modo di scrivere, vado a cercarlo

    RispondiElimina

Powered by Blogger.