Pensieri e Riflessioni su "Night School Il segreto dell'alba" di C.J. Daugherty

Night School. 
Il Segreto Dell' Alba 
C.J. Daugherty (Night School #3) 
Newton Compton 
YA Mistery
ISBN 978-88-541-7151-0
Pagine 384 
Euro 9,90

Trama:
Allie Sheridan è in grave difficoltà alla Cimmeria Academy. Si è allontanata dai suoi compagni e la costante minaccia di un nemico implacabile la perseguita. Ma questa volta non è lei l’unica che rischia di perdere qualcosa: a scuola, tutto si sta sgretolando. E quando finalmente Nathaniel inizia a rivelare piano piano il suo gioco diabolico, Allie perde ogni controllo. La scuola diventa ai suoi occhi come una palude mortale, in cui regna il sospetto, e dove tutti sono colpevoli, fino a prova contraria. Chiunque può essere trattenuto senza prove, condannato senza processo. Nessuno è più al sicuro. Questa volta Nathaniel non ha bisogno di far loro del male. Sono loro stessi a farselo. Alla Cimmeria Academy c’è una spia…

Il mio pensiero:
"Il segreto dell'alba" terzo dei cinque libri della serie Night School di C. J. Daugherty, edito lo scorso 3 ottobre grazie alla Casa Editrice Newton & Compton, ha fatto sì che mi appassionassi ancora di più a questa bellissima serie.

Perché mi piace tanto? 
Finalmente, giunta ormai al terzo romanzo, ho le idee più chiare anche sul perché la vita di Allie e il destino della Cimmeria Academy mi stiano così a cuore. 
Provo a spiegarvelo: è come se in questo terzo episodio abbia sentito in modo ancora più forte e chiaro quei segnali d'avviso che avevo già avuto modo di intravedere nei primi libri.

Mi sono affezionata così tanto alla serie perché l'ambientazione ha fatto sì che creassi prestissimo un parallelo con un'altra serie che ho molto amato (e credo di non essere l'unica). La Cimmeria, quest'edificio antico, con i suoi saloni in grado di contenere più di cento studenti per il pranzo, per le cene comunitarie o per le feste, l'accogliente biblioteca che offre angolini di studio appartati, il salone di svago dove gli studenti si ritrovano per chiacchierare o fare giochi di società... le immense scalinate come gli angusti sottoscala appartati e gli anfratti dove ci si può nascondere... La tecnologia bandita e le sue regole di disciplina così rigide...

Il fatto che sia una sorta di Accademia esclusiva per ragazzi "speciali" - magia a parte - che condividono in tutto le loro giornate mi ha fatto pensare al cameratismo creatosi tra i protagonisti di Harry Potter. 

Insomma più e più volte, durante la lettura mi è capitato di vedere Allie come l'alter ego femminile di Harry... di immaginarmi il professore di storia Zelazny come il Professor Piton... La Cimmeria come Hogwarts...

Al di là di queste somiglianze, anche la trama è molto avvincente e ricca di colpi di scena che hanno fatto sì che le pagine del libro scorressero  veloci tra le dita.

Per chi non avesse letto i precedenti e volesse farsi un'idea e magari lasciarsi incuriosire per intraprenderne proprio ora la lettura, posso dire che i protagonisti sono dei giovani ragazzi di sedici anni, svegli e intraprendenti... con la tendenza a cacciarsi nei guai ed a sfidare il pericolo... il tutto senza essere comunque immuni al fascino dell'amore.
Sì, perché in mezzo a mille pericoli, i nostri ragazzi dovranno fare i conti anche con il loro cuore.

Senza svelarvi più di tanto - perché come sapete non voglio togliervi il piacere della lettura - ma per ragguagliare chi ha già letto i due romanzi precedenti, posso dire che ormai lo scopo di Nathaniel è chiaro a tutti, soprattutto alla nostra cara Allie:

È una specie di battaglia tra la mia famiglia e la sua e io sono soltanto una pedina, una piccola parte di qualcosa di più grande...

Allie che oltre a dover fare i conti con la tensione e la paura create da Nathaniel cercherà non solo di capire chi sia la spia che si nasconde tra le mure della Cimmeria (purtroppo inutilmente) ma anche avrà il suo bel da fare per provare a comprendere i messaggi del suo cuore: Carter o Sylvain?

Cari lettori, già lo sapevate che amavo questa saga, ma adesso sapete anche che ormai la mia stima per quest'autrice è cresciuta a dismisura.
Resto in trepidante attesa del seguito! ...E se ancora non l'avete fatto, date un'opportunità a questa serie, non ve ne pentirete.
Stefania

2 commenti:

  1. sono ferma al primo, perchè non mi aveva conquistata, forse mi aspettavo un fantasy e invece non è stato così, non so. Ho però preso il secondo, magari me lo leggo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà come mai avevamo avuto tutti all'inizio l'impressione fosse un fantasy. Una volta abituata all'idea io sono stata catturata dalla trama. Magari fai ancora un tentativo con il secondo ;)

      Elimina

Powered by Blogger.